Rc Auto: in Italia è boom di scatole nere

Assicurazioni-on-lineA fine 2012 erano 1,2 milioni le scatole nere installate nelle automobili italiane, mentre ora il dato ha fatto un balzo in avanti attestandosi a quota 2 milioni di esemplari. I numeri forniti dall’Ania ci descrivono una condizione tale per cui l’Italia risulta essere il paese leader al mondo in quanto a dispositivi telematici per auto: abbiamo persino superato paesi piuttosto preparati a queste tecnologie quali ad esempio Gran Bretagna, Germania e Stati Uniti. Ma a cosa dobbiamo tutto questo successo (sicuramente apprezzato dalle assicurazioni di tutta Italia)? Ci sono diversi fattori che di fatto hanno contribuito e che tuttora influenzano il proliferare delle black box: prima di tutto un ambiente tecnologico favorevole, dove la ricerca in termini di comunicazione satellitare viene portata avanti con un certo sostegno; e dall’altra parte una buona campagna pubblicitaria messa in atto dalle diverse compagnie di assicurazione (che tramite l’installazione di questi strumenti riescono ad abbassare ulteriormente i prezzi delle Rc auto).

Del resto le scatole nere fanno sì bene alle assicurazioni, poichè permette loro di stanare eventuali truffe mettendosi al riparo da risarcimenti danni del tutto illegittimi. Ma sono soprattutto un elemento di forza per tutti quegli automobilisti perennemente alla ricerca del risparmio facile: l’utilizzo di questi dispositivi, naturalmente per chiunque decide di installarli, permette di contenere gli aumenti tariffari nella misura minima del 7-10%. Insomma, le scatole nere si propongono come la mediazione ideale tra la compagnia assicuratrice che vuole tutelarsi dalle frodi ed il cliente che ha bisogno di risparmiare sulla sua polizza Rc auto.

In forza delle loro caratteristiche (che come abbiamo già visto le rendono capaci di individuare i falsi incidenti), le scatole nere vengono per lo più vendute nelle regioni meridionali dove le frodi ai danni delle compagnie hanno raggiunto livelli allarmanti: di tutte le polizze presenti nel Belpaese ed a cui capo ci sia l’installazione di una black box, oltre il 49% sono state vendute nel Sud Italia. D’altra parte questi marchingegni sono in grado di migliorare la gestione dei sinistri fino al 20% del totale annuo, e per quanto a monte della loro presenza ci siano costi di installazione e funzionamento, il risultato è comunque positivo per l’assicurazione: il risparmio derivante dalle black box continua a viaggiare su binari positivi.

Per questa ragione non è affatto esclusa l’ipotesi secondo la quale, in futuro, sempre più assicurazioni prenderanno in considerazione l’ipotesi scatola nera!

Filed in: Assicurazioni Tags: ,

Leave a Reply

Submit Comment

© 2953 Blackr. All rights reserved. XHTML / CSS Valid.
Proudly designed by Theme Junkie.