Dematerializzazione dei registri, dal 1° ottobre scatta l’obbligo per l’agroalimentare

Slitta al 1° ottobre 2015, l’obbligo di dematerializzazione dei registri di carico e scarico del settore agroalimentare. Inizialmente prevista per il 1° luglio 2015, la novità coinvolge la dematerializzazione dei registri di carico e scarico degli sfarinati e delle paste alimentari, ai sensi dell’art. 1-bis, comma 6, del DL 91/2014.
La normativa chiarisce, inoltre, a quali operatori siano rivolti gli obblighi e quali le prescrizioni previste per il registro dematerializzato. Tutto è quindi pronto, in ottica della dematerializzazione dei documenti cartacei, per il pensionamento del registro tradizionale: ecco tutto quello che c’è da sapere.

DEMATERIALIZZAZIONE DEI REGISTRI: CHI È OBBLIGATO E CHI NO

Sono obbligati a tenere un registro di carico e scarico per sfarinati e paste alimentari tutti i produttori delle stesse e tutti i soggetti abilitati all’esportazione verso altri Paesi dell’Unione Europea o verso altri Paesi che abbiano contratto l’accordo dello spazio europeo. Le annotazioni da tenere a registro si suddividono per stabilimento e deposito per ogni operatore. Ogni operatore è identificato tramite codice alfanumerico, attribuito a suo tempo dagli Uffici Territoriali dell’Ispettorato Centrale.
Il registro di carico e scarico riporta tutte le annotazioni delle materie prime utilizzate, diverse da quelle indicate dal DPR n. 187/2001 e tutte le sostanze non autorizzate ma impiegate nella produzione di sfarinati e paste alimentari destinati alla distribuzione e al consumo a livello nazionale.
Le denominazioni merceologiche sono le medesime di quelle riportate nella Comunicazione Telematica resa in ambito SIAN, mentre per quanto riguarda le operazioni, si intende il carico, lo scarico e la lavorazione dei prodotti. Nel caso di operazioni effettuate per conto terzi, la tenuta del registro spetta all’esecutore materiale della lavorazione. L’obbligo di compilazione del registro decade in caso di prodotti finiti e confezionati.

DEMATERIALIZZAZIONE, LA TRASMISSIONE DEI DATI

La trasmissione dei dati per via telematica avviene secondo due modalità. È possibile utilizzare il sistema online – che consente la trasmissione diretta dei dati – e il Sistema di Interscambio, con trasmissione dei dati in modalità web-service. Qualora si scegliesse la prima possibilità, l’utente non deve fare altro che autenticarsi al portale del Ministero (http://mipaaf.sian.it) e autenticarsi con le proprie credenziali d’accesso. Dall’area riservata, è possibile inserire e trasmettere tutti i dati richiesti.
Nel secondo caso, invece, non è necessario alcun intervento diretto da parte dell’operatore, ma la trasmissione avviene in maniera automatica, dal sistema informatico dell’operatore al SIAN. Il registro va compilato entro e non oltre il giorno lavorativo successivo allo svolgimento delle operazioni e non ha bisogno di vidimazione.

Filed in: Internet Tags: , ,

Leave a Reply

Submit Comment

© 2017 Blackr. All rights reserved. XHTML / CSS Valid.
Proudly designed by Theme Junkie.